Per il decoro del cinema, non venite a piedi nudi

Una storia lunga due chilometri. Gianni Rizzardi, 90 anni, raccontando i luoghi della sua vita – l’infanzia, la scuola, il lavoro in fabbrica – percorre via Savona, una strada che negli anni ’30 allineava industrie e officine e appena una manciata di case. Le immagini di una Milano oggi non più industriale, trasformata nelle sue funzioni vitali, scorrono insieme a parole che fanno rivivere un’altra città, popolata da famiglie operaie che negli anni ’30 si affacciavano dalle ringhiere del civico 140, l’ultima casa di via Savona, dove finiva Milano. Lungo la strada, nella descrizioni della scuola, della fabbrica, del cinema, delle botteghe, della sala da ballo, rivive un’intensa vita collettiva: fatta di cortili interni dove si lavava il bucato in comune o si batteva il baccalà, mentre andavano e venivano venditori di latte, rane e gamberi di fiume.
Un film di Veniero Rizzardi e Federica Verona
con immagini di Giuseppe De Mattia
Riprese
Giuseppe De Mattia
Federica Verona
Montaggio
Federica Verona
Audio in presa diretta
Veniero Rizzardi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: